Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Ti racconterò di me

Ti racconterò di me,

amore mio,

ti racconterò

di averti cercata dove non eri

per non trovarti,

di non averti creduta,

per far ancora un po’ di male a me stesso,

di averti spinta via

perchè non mi sono mai amato abbastanza.

Ti ho pensata nei viaggi interminabili,

attimo dopo attimo,

in dialoghi immaginari e baci sognati.

Ti ho rivista

nei tasti di un pianoforte

che non so suonare,

nei calici di vino che tintinnano,

nel bagliore delle luci di festa,

nello schiaffo a mano aperta

di un profumo,

nello sguardo ambiguo

di una donna senza amore.

Ti ho vissuta ogni momento

attraversando i miei dolori,

trasponendoti su carta,

trasformandoti in lacrima.

Ti ho riposta

nel cassetto dei ricordi più importanti,

in disordine fra i sentimenti.

Ti ho sentito sulla pelle,

dentro e fuori dagli occhi,

come i tuoi baci sulle palpebre

mentre mi carezzavi il viso.

Ti ho descritta con mille parole,

nelle notti di rancore con il mondo,

accompagnato da un calice e mille sigarette.

Ho cercato risposte in questo mondo ed anche oltre,

dovunque e ovunque tu non eri,

per non trovarti,

per cercare di capirti,

per rendere la pace al mio cuore,

per ricominciare a vivere.

#MBwriter

non serve un titolo….

Mi manchi…

É l’unica certezza che ho.

É l’unica cosa che sento.

É un vuoto di pensieri, di parole,

un abisso freddo che accompagna

ogni mio giorno.

E nulla si può fare,

se non andare avanti lo stesso

con un macigno nel cuore e

la malinconia che riempie l’anima.

Davide Stocovaz.

  • Sei davvero affascinante.
  • No, non ci credo. Non sono più giovane.
  • E chi l’ha detto? Secondo me sei più giovane di sempre.
  • Parli così solo per farmi piacere.
  • Invece no, sono sincero. Mi piace quello che il tuo corpo riesce a comunicare. I tuoi sguardi, le tue mani, le tue forme… mi fanno viaggiare nel tuo vissuto. Mi sembra di conoscerti bene e quel che vedo mi ispira.
  • Cosa vedi in me?
  • Vedo la bellezza del tuo percorso. Vedo che hai resistito a ogni ostacolo, non hai mollato la presa neanche di fronte alle peggiori delusioni. Vedo una donna matura che ha imparato a scegliere, una donna che ora sa cosa vuole.
  • E secondo te cosa voglio?
  • Quello che vogliono tutte. Essere felice.
  • Che ne pensi? Ce la posso fare? O dovrò aspettare ancora a lungo?
  • Dipende da te. Dalla tua voglia di lasciarti andare, dal tuo desiderio di seguire l’istinto.
  • Sapessi quanto male fa lasciarsi andare…
  • Hai ragione, ma prova a pensare al male che può fare assumere un atteggiamento di difesa, pensa a quanto male può fare chiudersi a riccio ed escludersi dalla vita.
  • Vorrei solo non avere paura.
  • La paura si combatte con l’azione.
  • Vuoi suggerirmi qualcosa?
  • Non più di quello che i miei occhi cercano.
  • Tu mi piaci perché sei sincero, perché non fingi, non cerchi di essere un altro e soprattutto non vuoi ingannarmi.
  • Pur volendo ingannarti, non potrei. Significherebbe ingannare me stesso.
  • Chiudi gli occhi.
  • Ok, ma mi devi promettere una cosa.
  • Cosa?
  • Promettimi di non arrenderti mai, promettimi di tenere bene aperta la porta, promettimi di farlo subito.
  • Quale porta devo tenere aperta?
  • Quella dei sogni. Promettimelo.
  • Va bene. Te lo prometto.

(Luigi Costantino)

dopo i tuoi ultimi messaggi son stato parecchio indeciso sul fatto di risponderti o meno. Da quello che hai scritto e da come lo hai scritto.. continuo a non capire se c’e’ rammarico, delusione, astio… ti ho chiesto di poterti chiamare per chiedertelo:”Non serve davvero. Va bene così.” le tue parole… un’ accoltellata per me. “Magari servirebbe a me” ti ho risposto… pensando che volessi parlare di altro…”Ci sono stata sempre se avevi bisogno. Non fisicamente di persona ma con una presenza diversa . Anche fino a orari impossibili. “peccato che anche agli orari piu’ umani come quello….. nemmeno il dubbio ti e’ venuto….tant’e’ che mi hai risposto:” Che bisogno puoi mai avere dopo settimane in cui mi ignori totalmente”(considerando che solo la settimana prima ci eravamo messaggiati e per tua ammissione nn mi hai volutamente risposto.) ma va bene cosi’ … o meglio cerco di farmela andare bene cosi’…. cosa vuoi mai… con questi stistemi di chat e messanging….ritengo che sia piu’ che normale trovarsi in situazioni dove il fraintemdimento sia all’ordine del giorno. Quello che ho in testa io… di sicuro nn puo’ essere nella testa di altri… e viceversa. Ne son piu’ che consapevole. Continuo a raccogliere le lacrime

Ogni tanto ritorno, e’ l’unico posto dove posso esternare. Altri sarebbero fuori luogo.

Sei sempre e continui ad essere l’ultimo pensiero prima di addormentarmi e il primo alla mattina.

stamane mi son trovato con questa immagine…..

…..era inevitabile pensare subito di mandartela ma son restio. Ho paura per me, perche’ conoscendomi appena ti allungo una cima… rischio di ricaderci dentro e starci ancora peggio di come sto ora.. almeno ora nn so’ nulla o quasi…nel senso che anche i tuoi stati, provo a non visualizzarli.. poi prima che scadano le 24 ore.. la curiosita’ si fa’ sentire li vado a vedere. Vabe’ torno a distrarmi col lavoro.

e’ qualche giorno che nn passo da qui a lasciare qualche pensiero. E’ vero anche che da venerdi’ sera mi sono auto imposto di pensare ad altro (anche se nn ci riesco): dopo i vari messaggi scambiati nel pomeriggio che… secondo me davano adito a far trapelare una apertura anche se pur minima ( chissa’ se mai riusciro’ a riscriverli qui)…con la mezza telefonata avuta alla sera (mezza perche’ poi ho chiuso la chiamata con la scusa del mal di testa, che in parte era vero ma altrettanto vero era che per come stava prendendo piega il dialogo.. iniziavo a starci male di nuovo) siamo rientrati nella normalita’ delle cose. Da allora, visto come stavo, mi son ripromesso di non esternare piu’ nulla da nessuna parte (stati di prozap, o altro). Tant’e’ che da allora … a parte alcune foto che ha pubblicato nel suo stato martedi’ di una uscita al parco, altri contatti nn ce ne son stati. Conoscendoti, anche sapendo cosa c’e’ qui, hai deciso che vuoi percorrere la tua strada in solitaria. Non pensate subito male, ma e’ quello che ha sempre detto, preferisce fare la sua vita che rischiare di starci male come la/le storie avute nel passato. Dice che non riuscirebbe a sopportare una nuova delusione. In parte la capisco, in parte pero’ son uno che pensa sempre che la speranza sia sempre la penultima a morire hihi

Ti svegli alla mattina con le intenzioni più buone di questo mondo, e poi appena prendi il cellulare in mano ti trovi con queste frasi…che sembrano essere messe li’ apposta. Scaricare la foto e invitartela è un pensiero unico.

….e dire che mi ero ripromesso di non mandarti o scriverti più nulla. La mia volontà di mettermi da parte è proprio come il burro al sole….😔

Musica

Mi son riproposto negli ultimi giorni di non mettere nello stato di prozap nulla che possa in qualche modo far riferimento a te. Non so’ perche’ ma continuano ad arrivarmi sotto agli occhi foto, frasi, situazioni di amici e conoscenti che comunque inevitabilmente portano il pensiero verso di te. Questa e’ l’ultima, piu’ azzeccata di questa non c’e’, sia perche’ fa riferimento all’ambiente della musica che tu conosci bene, sia perche’ sai benissimo che cio’ che afferna e’ corretto.

Corde intonate, anche se sono lontane, se una è toccata vibrano anche le altre della stessa musica